indietro

Paragrafi
Nascita
Pianeti
Asteroidi
L'universo in un libro
Glossario
Forza di gravità - Orbita

stampa questa pagina stampa questa pagina
link utili link Girotondo sull'universo
archivio degli articoli archivio degli articoli precedenti

Legenda argomenti:
Storia - Politica
Universo
Scienze
Curiosità
Arte - Letteratura
Costume - Società - Spettacolo

COME & PERCHÉ n. 15 - Il sistema solare

Il sistema solare è costituito da un insieme di pianeti, lune, e frammenti di materia che ruotano attorno al Sole. Esso riesce a mantenersi compatto grazie alla forza di gravità del Sole, che riesce ad attrarre a sé ed a mantenere in perfetto equilibrio l'intero sistema. Questo grazie al fatto di avere una massa di circa 1000 volte maggiore rispetto a quella di tutti gli altri pianeti messi insieme. Vi immaginate, infatti, che cosa accadrebbe se la Terra, i pianeti, o le lune di Saturno incominciassero a schizzare in tutte le direzioni, come palle su un tavolo da biliardo? Sarebbe il caos.

cometaQuando è nato il sistema solare?

Probabilmente circa 5 miliardi di anni fa.
La mamma? Un'enorme nube (detta nebulosa). Una nube quindi, non come quelle nere che vediamo addensarsi nelle afose giornate estive pronte a riversare litri d'acqua sulle nostre teste, ma Interstellare, ovvero costituita da gas e polveri che, istante dopo istante, aggregandosi, sono andati a formare i diversi corpi che oggi compongono il Sistema Solare.

I pianeti del sistema solare

Ed ecco a poco a poco costituirsi Mercurio, Venere, luminosissimo, (e per questo spesso scambiato per una stella) chiamato così dagli antichi in onore della dea dell'amore, Terra (ehi, ci siamo anche noi!) e Marte. Questi i quattro pianeti, che orbitano relativamente vicino al Sole, detti "terrestri" perché piccoli, densi e con una superficie simile alla crosta terrestre.
gioveE poi ancora: Giove, Saturno, Urano e Nettuno, che percorrono orbite molto distanti dal Sole e vengono definiti "gioviani" perché costituiti perlopiù da gas, come Giove. E infine Plutone, che non é il fratello maggiore e un po' ingrassato del cane di Topolino, ma un pianeta con caratteristiche tali da differenziarlo da tutti gli altri. Scoperto nel 1930 venne chiamato Plutone da una studentessa di Oxford in ricordo del dio dell'Oltretomba, in quanto piccolo e pallido, quasi un etereo fantasma dell'Universo.

Infine, tra Marte e Giove: una zona di transito, una sorta di autostrada spaziale percorsa da decine di migliaia di corpi rocciosi: gli asteroidi.

Gli asteroidi

Gli asteroidi (o pianetini) sono corpi celesti piccoli piccoli che percorrono orbite proprie attorno al Sole e possiedono caratteristiche fisiche simili ai pianeti loro fratelli maggiori. Probabilmente sono circa 40.000 gli asteroidi in circolazione nello spazio. Tra questi, 5000 sono abbastanza conosciuti. Alcuni di questi percorrono la loro orbita a breve distanza dal nostro pianeta. E questo é un rischio, in quanto non penso piacerebbe a nessuno ricevere in testa un pezzo di pianeta, per quanto -ino, entrato in collisione con la Terra.
La forma dei pianetini è estremamente irregolare. Sono privi di atmosfera e hanno una temperatura superficiale di 70 íC sotto zero.

Per saperne di più... Un'ultima domanda
Secondo voi è possibile racchiudere l'intero Sistema Solare in un libro pieghevole?
I ragazzi della Scuola elementare Fortuzzi di Bologna, con l'aiuto dell'Aula Planetario del Comune, ci sono riusciti: 70 centimetri di lunghezza, 30 di larghezza, 15 di spessore e 10 chilogrammi di peso, queste le caratteristiche del libro realizzato. Una volta aperto completamente é lungo 295 metri, che é la distanza che separa il Sole da Plutone, il più distante dei pianeti conosciuti, in una scala 1 : 20 miliardi (ossia un centimetro sul libro equivale a 200.000 chilometri nello spazio).
Oggi, questo libro così originale, è sul Web, all'indirizzo www.pd.astro.it/librone per iniziativa di Prendi le Stelle nella Rete!. Il libro può essere "sfogliato" pagina per pagina, in una sorta di viaggio spaziale dal Sole al più lontano dei pianeti.

Glossarietto

Forza di gravità - Avete presente la famosa mela di Newton, e la sua caduta libera da un albero? E il principio con cui lo scienziato spiegava il fenomeno? Insomma, la forza di gravità? Ecco, in poche parole, la stessa forza che fa cascare la mela per terra è anche responsabile del moto dei pianeti!

Orbita - E' il percorso seguito da un corpo legato per forza di gravità a uno o più altri corpi. La forma dell'orbita può essere chiusa (ellisse) o aperta (parabola o iperbole).

Ciao a tutti e alla prossima!!!

Francesca Virgilietti

P.S. Hai qualche curiosità? Hai da proporci qualche Come & Perché? SCRIVICI!

GiroNEWS

torna all'home page di GiroNEWS
avanti