indietro

pagina 1 di 2
Paragrafi
Che cos'è un dinosauro?
Dinosauri: classificazione
Periodo Triassico

Periodo Giurassico
Periodo Cretaceo
Perché sono scomparsi?
Schede
Classificazione
La deriva dei continenti
I primi paleontologi

dinosauro

Gioco
Indovina chi viene a cena?

stampa questa pagina stampa questa pagina
archivio degli articoli archivio degli articoli precedenti

Legenda argomenti:
Storia - Politica
Universo
Scienze
Curiosità
Arte - Letteratura
Costume - Società - Spettacolo

COME & PERCHÉ n. 50 - Dinosauri

stegosauroForse potrebbe sembrare ripetitivo parlare ancora di queste maestose e misteriose creature del passato, dopo ben tre "Jurassic Park", documentari alla televisioni, scoop di ritrovamenti di resti un po' dappertutto, anche in Italia. C'è chi sbufferà, chi sbotterà in un "Ancora!, chi alzerà i tacchi verso altri siti.
Eppure il mondo dei dinosauri continua ad affascinare un po' tutti, piccoli e grandi. Tanto da farci decidere di dedicargli un'intera puntata. Siete d'accordo? E allora partiamo. Dal principio.

CompsognathusChe cos'è un dinosauro?

Tutti voi sapete che cos'era, esattamente, un dinosauro? Un dinosauro era un rettile, anche se un po' particolare, e come tale aveva una bella pelle a scaglie e deponeva le uova. I dinosauri potevano essere molto diversi uno dall'altro. Alcuni erano piccoli come un gatto, altri potevano raggiungere le dimensioni di un Tir, se non di più. Il Compsognathus, per esempio, bipede carnivoro del Giurassico aveva, circa, la taglia di un pollo. Non più di mezzo metro di lunghezza per qualche chilo di peso (circa 3,5).
brachiosauriIl Brachiosaurus, invece, enorme erbivoro quadrupede, raggiungeva i 25 metri di lunghezza (un palazzo di quattro piani, per intendersi), per circa 60 tonnellate. In principio i dinosauri (parliamo di 228 milioni di anni fa) erano carnivori, mentre solo in un secondo momento comparvero gli erbivori.

Dinosauri: classificazione

Oggi i dinosauri vengono, in genere, classificati in "saurischi" (prosauropodi, sauropodi e teropodi) e "ornitischi" (dinosauri cornuti, ornitopodi, stegosauri e anchilosauri) a seconda della disposizione delle ossa del bacino. I saurischi avevano infatti le ossa del bacino disposte in modo molto simile a quelle dei rettili, mentre gli ornitischi a quella degli uccelli.

conifereEsistevano due tipi principali di saurischi: gli erbivori, enormi (detti sauropodi e prosauropodi) che si muovevano utilizzando tutte e quattro le zampe e i carnivori (detti teropodi) che procedevano su due zampe. I primi dinosauri ornitischi furono gli ornitopodi bipedi.
Solo in un secondo momento comparvero i dinosauri cornuti (veratopi), i dinosauri a piastre (stegosauri) e i dinosauri corazzati (anchilosauri): tutti erbivori. Il nome di dinosauro fu inventato dal ricercatore Richard Owen, nel 1841, per mettere in evidenza la dimensione notevole della maggiorparte di essi.

I dinosauri avevano due (bipedi) o quattro (quadrupedi) zampe. Unici, tra i rettili, a riuscirlo a fare, camminavano eretti, con gli arti trattenuti sotto il corpo e vivevano quasi esclusivamente sulla Terra. I dinosauri vissero circa 150 milioni di anni, in quell' Era definita dagli studiosi Mesozoica, che a sua volta comprende i periodi Triassico, Giurassico e Cretaceo.
DinosauroTra agili bipedi e lenti quadrupedi corazzati e muniti di corna, o semplicemente coperti di squame, seicento/settecento sono le specie finora individuate, che sono vissute in quest'arco di tempo. E le prime comparse sulla Terra, per quanto riguarda caratteristiche, abitudini, aspetto, avevano poco a che fare con le ultime! L'estinzione totale e definitiva dei dinosauri avvenne alla fine del Cretacico (64,5 milioni di anni fa).

Triassico (tra 225 e 195 milioni di anni fa)

felceNel Triassico la Terra si presentava come un enorme continente, detto Pangea. Vicino all'equatore il clima era freddo e il terreno arido. In quelle zone crescevano foreste di conifere (pini e abeti) e alberi simili alle nostre palme. L'entroterra era caratterizzato dalla presenza di deserti caldi e sabbiosi, mentre lungo le coste dominavano foreste di equiseti giganti, felci arboree e ginkgo, popolate da mammiferi (i primi, non più grandi di topolini!) insetti, crostacei, anfibi e piccoli rettili, tra cui gli antenati di tartarughe, lucertole e coccodrilli. Il cibo non mancava e le circostanze erano più che favorevoli a qualsiasi forma di vita, compresa quella dei dinosauri. prosegui la lettura dell'articolo

GiroNEWS

torna all'home page di GiroNEWS
avanti